martedì 27 aprile 2010

Finalmente! - 1



L'immagine che vi presento, inviatami da un amico scrittore americano, mostra come la corsa allo spazio stia finalmente riprendendo, e sui binari giusti!
In una località del deserto dell'Arizona, tenuta rigorosamente segreta per evitare l'intervento del governo federale, un gruppo di arditi imprenditori dixies ha ripreso un vecchio progetto dell'esercito confederato, rimasto sepolto per quasi un secolo e mezzo negli archivi di stato di Atlanta.
L'idea pare sia stata sviluppata dall'italiano Ubaldo Monti, un ufficiale d'artiglieria dell'esercito sabaudo aggregato come osservatore presso lo stato maggiore di Lee. Appassionatosi  alla causa sudista, e in odio a Garibaldi che aveva messo la sua spada a disposizione del Nord, studiò per loro il modo di bombardare la città di Washington per mezzo di un aeroproietto spinto da un propulsore a metano.
Il razzo attuale è stato modificato rispetto al progetto originario, riconvertendo l'ogiva esplosiva in una cabina atta al trasporto di due avventurosi astronauti, insieme con un carico utile di tre tonnellate di strumenti.
Le intenzioni dei costruttori sono di raggiungere l'orbita lunare, e di lì sfruttando l'effetto fionda della gravità puntare verso il pianeta Marte, con un volo inerziale di tre settimane. 
Il fatto che le linee generali del proietto ricordino singolarmente quelle della V-2 apre un interessante interrogativo sulla possibilità che lo stesso von Braun abbia avuto accesso ai disegni originali, magari per tramite di suo padre, il barone Magnus, ben inserito nei circoli diplomatici e in contatto con gli ambienti dell'emigrazione germanica negli Stati Uniti. 
Ma questo e altro non appena il mio corrispondente mi avrà inviato ulteriori particolari. Compresa anche la data esatta del lancio, che potremo seguire direttamente in rete.

6 commenti:

Fabrizio Foni ha detto...

Su questo Ubaldo Monti devi prima o poi scrivere... o, meglio, 'romanzare' qualcosa... :)

Giulio ha detto...

Sto facendo ricerche sul personaggio, che pare sia scomparso durante l'incendio di Atlanta... ma ho buone speranze di riuscire a contattare qualche suo discendente...

Fabrizio Foni ha detto...

Non avevo dubbi... un tipo del genere non poteva non 'rischiare' di divenire un tuo personaggio :)

Daniele ha detto...

Concordo! Non puoi abbandonarlo così... Buona caccia!!!

Claudio ha detto...

F for Fake...?

Giulio ha detto...

@Claudio: assolutamente no! Sto ricevendo ulteriori particolari sull'impresa, che metterò quanto prima a disposizione degli amici!